• Home
  • Aste
  • Asta 240
  • 179 PITTORE FIORENTINO DELLA CERCHIA DI JACOPO CARUCCI DETTO IL ...
<< Lotto 178 - CERCHIA DI ...   Lotto 180 - SCUOLA ... >>

Lotto 179 - Asta 240

Stima:
38.000,00/44.000,00 €
Prezzo:
45.720,00 EUR





PITTORE FIORENTINO DELLA CERCHIA DI JACOPO CARUCCI DETTO IL PONTORMO (Pontorme, 1494 - Firenze, 1556)

a) San Giuseppe; b) Santa Elisabetta - Coppia di frammenti da una perduta pala d'altare

Olio su tavola di pioppo, a) cm. 45x34; b) cm. 45,5x34,5. Con cornice.

Questi due mirabili frammenti su tavola di pioppo costituiscono gli unici brani residui di una composizione che doveva raffigurare una Sacra Famiglia con Sant’Elisabetta e San Giovannino. Lo conferma il confronto davvero stringente con la tavola di analogo soggetto conservata alla National Gallery di Washington (Kress Collection, inv. 480), in passato ritenuta opera del Pontormo, ma assegnata a Bronzino da Craig Hugh Smith e dopo di lui concordemente riferita a quest’ultimo. In essa si ritrovano le figure di Sant’Elisabetta e di San Giuseppe chiaramente affini alle nostre, sia pur con lievi varianti. I due frammenti pongono, in effetti, un rebus attributivo tutt’altro che agevole da dirimere. Essi non corrispondono alla maniera incisiva e metallica di Bronzino, né, restando ai più diretti allievi di Pontormo, a quelle di Iacone o di Foschi, incompatibili sia con l’esplicito naturalismo della Sant’Elisabetta sia con la concisione formale del San Giuseppe. Nemmeno sussistono elementi stringenti per candidare in modo convincente artisti della generazione successiva a Pontormo, come Maso da San Friano o Mirabello Cavalori.I due frammenti s’impongono per la loro magistrale perizia disegnativa, ma anche per la loro resa pittorica, sebbene la materia (già magra in origine) risulti oggi impoverita per la diminuzione delle sue originarie velature a causa di vecchi e impropri tentativi di pulitura, in conseguenza dei quali è oggi possibile scorgere parte del disegno preparatorio sottostante. La testa di San Giuseppe presenta una cromia chiara, intonata su colori giallo ocra tipicamente pontormeschi, richiamando con forza alcuni profili virili della lunetta della Certosa del Galluzzo raffigurante l’Andata al Calvario, ma anche il San Gerolamo della Madonna e due santi della Galleria degli Uffizi. Il volto di Sant’Elisabetta presenta un marcato naturalismo, come dimostra la resa dei muscoli del collo, con l’effetto impressionante della carne flaccida. Risulta piuttosto chiaramente l’affinità con la vecchia inturbantata in ginocchio davanti al faraone nel Giuseppe in Egitto della camera Borgherini (oggi Londra, National Gallery) come pure col profilo della Sant’Elisabetta della Visitazione della Pieve di San Michele Arcangelo a Carmignano. Devono essere infine segnalati due fogli conservati nel Gabinetto dei Disegni degli Uffizi (6552 e 6729 F, verso): il primo si deve a Bronzino ed è senz’altro uno studio preparatorio per la Santa Elisabetta della tavola di Washington; il secondo presenta due studi per un volto di anziana - variamente riferiti sia a Pontormo, sia a Bronzino - davvero vicinissimi alla testa della nostra Sant’Elisabetta.



Offerte

Stato lotto:
Asta chiusa