• Home
  • Aste
  • Asta 240
  • 180 SCUOLA NAPOLETANA, SECONDO QUARTO DEL XVII SECOLOAllegoria ...
<< Lotto 179 - PITTORE ...   Lotto 181 - SCUOLA ROMANA, ... >>

Lotto 180 - Asta 240

Stima:
15.000,00/20.000,00 €
Base d'asta:
14.000,00 EUR
Aggiudicazione:
14.000,00 EUR
Numero offerte:
1


SCUOLA NAPOLETANA, SECONDO QUARTO DEL XVII SECOLO

Allegoria della Carità Cristiana o Dar da mangiare agli affamati

Olio su tela, cm. 96,5x128. Con cornice antica.

Il dipinto presenta notevoli motivi di interesse sia riguardo al suo autore, sia in merito alla sua iconografia, decisamente inusuale. Partendo da quest’ultima va rilevato come la rappresentazione si presti a varie letture, a partire da quella più immediata legata al tema piuttosto diffuso nel Seicento di Esaù che vende la sua primogenitura a Giacobbe in cambio di un piatto di lenticchie. Tale interpretazione è però confutata dalla presenza semi-nascosta dall’ombra di una terza figura all’estremità destra della tela, anch’egli con una ciotola in mano. La rappresentazione va quindi intesa come una scena di genere in cui un oste versa della minestra a due avventori, raffigurati come umili ma dignitosi mendicanti: lettura che apre la strada al riconoscimento del suo significato allegorico come esemplare ed efficace visualizzazione della carità cristiana, in ossequio alla prescrizione evangelica di dar da mangiare agli affamati, la prima delle sette opere di misericordia corporale.
Quanto alla sua attribuzione, la tela va inquadrata nella corrente naturalista napoletana verso il terzo - quarto decennio del Seicento, in una declinazione che, più che a Caravaggio e ai suoi principali seguaci partenopei, guarda a Ribera e indirettamente anche a Velazquez. Se da tali suggestioni non andarono esenti pittori come Francesco Fracanzano, Aniello Falcone e Andrea Vaccaro sembra che sia da individuare soprattutto nel giovane Salvator Rosa (nella sua produzione più riberesca, legata a opere quali il Sant’Andrea Apostolo del Trinity College di Hartford, o il Ritratto virile nella collezione De Giovanni di Napoli) il più prossimo termine di confronto con la nostra bella tela.



Offerte

Stato lotto:
Asta chiusa