• Home
  • Aste
  • Asta 73
  • 67 RITRATTO DELL’IMPERATORE SEVERO ALESSANDRO226 - 235 ...
<< Lotto 66 - RITRATTO ...   Lotto 68 - TORSO DI ... >>

Lotto 67 - Asta 73

Stima:
36.000,00-80.000,00 EUR
Base d'asta:
36.000,00 EUR
Offerta attuale:
36.000,00 EUR
Numero offerte:
1


RITRATTO DELL’IMPERATORE SEVERO ALESSANDRO
226 - 235 d.C.
alt. cm 26; alt. (con base) cm 44
Ritratto di un personaggio maschile nella prima età matura. Rivolto verso destra, il volto è leggermente allungato, i capelli sono resi attraverso minutissime ciocche che seguono, come una massa uniforme, il profilo della calotta cranica. I grandi occhi spalancati spiccano sul volto, con le pupille e le iridi incise e rivolte leggermente verso l'alto; le sopracciglia folte ed energiche. Le labbra carnose sono incorniciate da una rada peluria, che si ripresenta sul mento e si sviluppa in una riccioluta barba sulle guance. I tratti fisiognomici permettono facilmente di identificare il personaggio ivi rappresentato con l'imperatore Severo Alessandro (222-235 d.C.). Il giovane imperatore è rappresentato secondo un nuovo orientamento nella ritrattistica ufficiale romana di età tardoantica, caratterizzato da un ben calibrato volume della testa e dall’accentuazione dei valori psicologici dei soggetti ritratti. Sebbene alcune caratteristiche iconografiche siano costanti, la presenza di elementi innovativi che compaiono dal secondo quarto del III secolo d.C. permette di attribuire tale opera alla seconda fase della ritrattistica dell'imperatore. Dall'anno 226 d.C. Severo Alessandro inizia a essere ritratto con una corta barba che ricopre il mento, fino a ricoprire le guance, volta ad indicare l'inizio del suo (breve) periodo di maturità. Esempi caratteristici per quest'ultima fase sono i ritratti conservati in Musei Capitolini (Roma) e il ritratto bronzeo di Carnuntum (originale a Bochum, collezioni d'arte della Rohr-Universität Inv. No. S 1071).

PROVENIENZA
Collezione privata romana, acquisito negli anni ’60 del secolo scorso; dichiarazione di possesso Soprintendenza per i Beni Archeologici di Roma (2805/2014).


Offerte

Stato lotto:
Asta chiusa